Pubblicazioni

Sistemi di filtrazione

L’acqua è una preziosa risorsa frequentemente utilizzata in vari contesti. Eppure, soprattutto in ambito domestico, non è raro porsi il quesito se il liquido che fuoriesce dal rubinetto è effettivamente puro ed utilizzabile. La risposta, tuttavia, non può che essere positiva: la potabilità dell’acqua è garantita dal mantenimento di determinati parametri, accertati dalla scienza e fissati inequivocabilmente dall’ordinamento giuridico. L’acqua, dunque, che giunge negli appartamenti è sicura poiché è stata depurata e resa potabile a monte, prima di essere immessa nell’acquedotto. Esistono tuttavia dei casi nei quali potrebbe essere utile installare dei sistemi di filtrazione.

I sistemi di filtrazione

Il filtraggio è quel processo che sottopone l’acqua ad alcuni trattamenti capaci di migliorarne il gusto, abbattere gli odori, rimuovere le impurità e i microrganismi potenzialmente dannosi per l’uomo: la cosiddetta “acqua di fonte”, infatti, è una soluzione ricca, ad esempio, di sali minerali ed altre sostanze. Per scegliere tra i vari sistemi di filtrazione occorre far eseguire preventivamente una analisi dell’acqua da un laboratorio specializzato, onde poter scegliere un filtro adeguato ad intervenire sul particolare inquinante da eliminare o sull’aspetto da migliorare. I sistemi di filtrazione si distinguono, in base alla trama della membrana, in microfiltrazione, particolarmente indicata per l’industria alimentare, ultrafiltrazione, capace di rimuovere virus e batteri, e nanofiltrazione, per ottenere un’acqua demineralizzata.

Tipologie di impianto

I sistemi di filtrazione sono molteplici, alcuni semplici come il filtro a polifosfati per decalcificare l’acqua, fino ad altri particolarmente sofisticati, come ad esempio il filtro a campo magnetico. I principali, comunque, sono tre: il filtro a carboni attivi, a scambio ionico e ad osmosi inversa. I carboni attivi sono capaci di migliorare considerevolmente il gusto dell’acqua, ma il sistema non elimina i nitrati e deve essere integrato, in caso di proliferazione batterica, con un sistema disinfettante. Il filtro a osmosi inversa, al contrario, è in grado di raccogliere sali minerali, batteri e molecole inorganiche.