Pubblicazioni

Impianto a osmosi inversa

Cos’è il principio fisico dell’osmosi

Alla base della costruzione di utensili, ma anche di macchinari tecnologicamente sofisticati, spesso vi è la semplice osservazione della natura e la dinamica dei processi fisici o chimici. Accade così, ad esempio, che negli impianti di depurazione dell’acqua si sfrutti il principio dell’osmosi. Tale fenomeno naturale, indispensabile per la vita di organismi vegetali e animali, persegue l’obiettivo di mantenere lo stesso grado di salinità in due soluzioni distinte, ma poste a contatto tra loro per mezzo di una membrana semipermeabile, capace cioè di far attraversare l’acqua ma non i soluti disciolti: si vedrà come il liquido passi dalla soluzione più diluita a quella con una maggiore concentrazione e, conseguentemente, si generi una differenza di pressione definita “pressione osmotica”

Funzionamento di un impianto a osmosi inversa

Un impianto a osmosi inversa sfrutta il principio chimico fisico al contrario, esercitando su una delle due soluzioni una pressione che sia maggiore di quella osmotica: tale artificio porta ad un’inversione del processo, ottenendo due distinte soluzioni, di cui una ad alta concentrazione di sali, ed una molto diluita. Il primo composto, detto appunto “concentrato”, è costituito dagli inquinanti, sia sospesi che disciolti, ed è destinato allo smaltimento; la soluzione diluita o “permeato” è destinata all’utilizzo, dal momento che la concentrazione salina è bassissima.

Tipologie di impianti a osmosi inversa

Due sono le tipologie di impianto ad osmosi inversa: o con accumulo, consistente in un serbatoio nel quale l’acqua purificata viene immagazzinata, ma che presenta il potenziale svantaggio del ristagno, o a produzione diretta, scelta questa preferita da aziende e privati. Nella maggior parte dei casi, l’impianto deve essere preceduto da una fase di prefiltraggio, al fine di salvaguardare la membrana semipermeabile da sedimenti o accumuli di batteri; ai fini soprattutto del consumo umano, il prodotto finito dovrà comunque essere rimineralizzato secondo i parametri imposti dalla normativa vigente.