Pubblicazioni

Impianto di flottazione

La flottazione: una fase fondamentale nel trattamento delle acque reflue

Trattare le acque reflue, ad esempio, di uno stabilimento industriale non è certamente un processo semplice: ai vari sistemi di filtraggio meccanico, tesi ad eliminare i solidi sospesi nella soluzione, devono affiancarsi impianti di depurazione e disinfezione, così come macchinari per il recupero, la neutralizzazione e lo smaltimento dei fanghi. In tale complessa architettura di diverse tecnologie, un ruolo certamente importante è assolto dalle vasche di flottazione, nelle quali avviene la separazione delle particelle inquinanti che, a causa del peso o delle ridotte dimensioni, non possono essere rimosse con la normale sedimentazione primaria; tali componenti vanno a formare una schiuma sul pelo dell’acqua, che sarà raccolta ed eliminata da ponti mobili.

Le dinamiche di una flottazione

Separare dall’acqua carichi organici ed inorganici, siano essi solidi o liquidi, è un problema atavico e di difficile soluzione: i trattamenti chimici, fisici e biologici non risultano sempre efficaci. Gli impianti di flottazione, insufflando gas in una vasca, facilitano la risalita e l’agglomerazione di solidi sospesi, olii e grassi che, in tal modo, possono essere facilmente rimossi. Il principio di funzionamento è molto semplice: il gas, generalmente aria, si lega ai componenti aerofili che sono trascinati verso il pelo dell’acqua, formando una schiuma di minor densità rispetto alla soluzione liquida.

Caratteristiche di un impianto di flottazione

Numerosi sono gli impianti di flottazione proposti dalle aziende specializzate. La diversità si spiega non solo per le dimensioni e la capienza delle vasche, ma anche per accorgimenti utili alla riduzione del tempo necessario al trattamento: sottoponendo l’acqua immessa nell’impianto ad uno sbalzo di pressione, ad esempio, la risalita dei componenti si accelera notevolmente. Ma anche la dimensione della vasca influisce nelle prestazioni dell’impianto, così come le modalità di alimentazione e miscelazione. Per venire incontro alle necessità di compattezza, inoltre, è disponibile un impianto di flottazione a pacco lamellare che, aumentano la superficie di reazione, si rivela molto performante